Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:
Oggetto:

Psicologia criminologica e risk assessment

Oggetto:

Criminological psychology and Risk assessment

Oggetto:

Anno accademico 2014/2015

Codice dell'attività didattica
PSI0349
Docenti
Georgia Zara (Titolare del corso)
Dott. Luca Sammicheli (Titolare del corso)
Corso di studi
Psicologia criminologica e forense
Anno
2° anno
Periodo didattico
Secondo semestre
Tipologia
Fondamentale
Crediti/Valenza
9
SSD dell'attività didattica
M-PSI/05 - psicologia sociale
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Facoltativa
Tipologia d'esame
Orale
Prerequisiti
Gli studenti devono avere una solida conoscenza di base dei principi della psicologia generale e clinica in riferimento al funzionamento mentale della persona nel suo contesto di vita, normale, patologico, antisociale e delinquenziale. Devono inoltre conoscere i fondamenti della deontologia e dell’etica psicologica, forense e medica. Un buon livello di conoscenza della lingua inglese.
Students must have a sound knowledge of the fundamental principles of the mental functioning of the person in their normal, pathological, antisocial or criminal context. An understanding of the principles of deontology and ethics applied to psychological, forensic and medical settings is required.
Oggetto:

Sommario insegnamento

Oggetto:

Obiettivi formativi

a. Focalizzare l’attenzione sulle dinamiche di iniziazione antisociale e di persistenza in una carriera criminale.
b. Far conoscere agli studenti i principi della psicologia clinica e della psichiatria clinica applicate al contesto criminologico e forense.
c. Insegnare l’utilizzo degli strumenti del colloquio clinico e di quelli del risk assessment in una prospettiva integrata di tipo diagnostico, valutativo e prognostico, con particolare riferimento al comportamento criminale e violento.
d. Promuovere la capacità di distinguere l’approccio psico-criminologico da quello psico-forense non solo a livello di conoscenza teorica ma di valutazione e intervento.
e. Mettere gli studenti nella condizione di saper dimostrare una capacità critica nell’affrontare e nel leggere i comportamenti criminali in presenza e in assenza di patologia mentale: delitti folli e delitti di folli.

a. Focalising the attention on the criminogenic dynamics that promote antisocial onset and sustain persistence into a criminal career.
b. Understanding the foundation of clinical psychology and psychiatry applied to the criminological and forensic settings.
c. Developing an understanding of how to perform a clinical consultation and learning about the different risk assessment instruments, within an integrated perspective.
d. Promoting in the students an awareness about the importance of addressing different assessments and evaluations depending on the type of offenders (general, violent, and mentally disturbed; first-time or persistent or chronic), on the heterogeneity of situations and victims involved, and on the different timings in their criminal careers.

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

a. Conoscenza dei principi fondamentali che individuano e che distinguono le discipline psico-criminologiche rispetto a quelle psicoforensi, e le loro implicazioni nel contesto giudiziario (sapere).
b. Conoscere metodologia e strumenti di approccio e di valutazione nei rispettivi settori (saper fare).
c. Acquisire la capacità di integrare i principi deontologici ed etici nella professione psicologica applicata al contesto clinico-criminologico e clinico-forense (saper essere).

a. Attaining a preliminary knowledge of the principles that specify and distinguish the psycho-criminological perspectives from the psych-forensic ones, and their implications within the juridical and forensic setting (what to know).
b. Understanding the specific methodology and the instruments of risk-assessments, evaluations and interventions in the different settings (know how).
c. Encouraging the development of the ability to integrate deontological and ethical principles of psychology to the criminological and clinical forensic settings (how to be professional and apply integrity).

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

Il corso prevede la possibilità di partecipare ad una prima prova in itinere (esonero) relativa alla parte del corso di Metodologia e deontologia forense, il cui risultato contribuirà alla valutazione complessiva dell’esame finale.
L’accertamento dell’apprendimento avverrà in forma orale, nella quale lo studente dovrà dimostrare una preparazione completa rispetto ai contenuti e obiettivi formativi del corso. Gli studenti devono dimostrare di aver sviluppato le conoscenze utili, le abilità comunicative e le capacità critiche che costituiscono il fondamento del loro sapere psico-criminologico, psico-forense e metodologico.

The course first involves an intermediate evaluation for the module on forensic methodology and deontology.
At the end of the course there will be a final oral exam, which will focus on the major topics of the course. Particularly students should demonstrate critical thinking and an ability to distinguish between clinical settings oriented to therapy and psycho-criminological and forensic settings focused on assessment and evaluation.

Oggetto:

Programma

Il corso focalizza l’attenzione sull’analisi delle cause e dei processi di rischio alla base della strutturazione di una carriera criminale. Particolare importanza verrà attribuita alla valutazione della pericolosità sociale giuridica e psichiatrica e all’integrazione dei principi deontologici con i diversi percorsi metodologici utilizzati nei diversi contesti professionali.
Gli interessi psico-criminologici sono quelli di:
a. Favorire lo sviluppo di un pensiero critico ed evidence-based rispetto a questioni relativa alla predizione e valutazione del rischio di recidivismo criminale e di violenza.
b. Conoscere la letteratura in tema di valutazione del rischio e i risultati degli studi empirici degli strumenti più validati e affidabili di risk assessment and risk management in ambito psico-criminologico e clinico forense.
c. Iniziare a fare utilizzare alcuni degli strumenti di risk assessment e iniziare a delineare un programma di risk management e di intervento trattamentale e/o preventivo.
Gli interessi psico-forensi e metodologici sui quali si focalizzerà l’attenzione sono:
a. Contenuti della perizia (e della consulenza) psichiatrica e di quella psicologica.
b. Metodi di svolgimento dei due rispettivi accertamenti, e loro ricadute pratiche (fase di cognizione e di esecuzione).

The course focuses its attention on the causes and risk processes of a criminal career. It provides a review of what is known about the aetiology of antisocial and criminal behaviours among general offenders, violent offenders, and persons with mental disorders.
The scientific interests of criminological psychology are on:
a. Promoting critical and evidence-based thinking concerning the validity of various strategies for assessing risk of violent behaviour.
b. Providing students with specialised knowledge on how to use specific risk assessment instruments, to conduct comprehensive risk assessments, and to start thinking in terms of risk management plans for general offenders, violent offenders, and mentally disordered offenders.
The psycho-forensic and methodology interests are on:
a. Content of psychiatric and psychological expert reports to submit in Court.
b. Methods of evaluations of the expert reports and their practical implications both during the trial and during the executive phase of sentencing.

Testi consigliati e bibliografia

Oggetto:

Parte di Psicologia criminologica e Risk assessment:
Hanson, K. (2009). The psychological assessment of risk for crime and violence. Canadian Psychology, 50, 172–182. DOI: 10.1037/a0015726
Zara, G. (2005). Le carriere criminali. Milano: Giuffrè.
Zara, G. (2013). La validità incrementale della psico-criminologia e delle neuroscienze in ambito giuridico. Sistemi Intelligenti, 2, 311−338. DOI: 10.1422/75357
Zara, G. & Farrington, D. P. (2013). Assessment of risk for juvenile compared with adult criminal onset: Implications for policy, prevention and intervention. Psychology, Public Policy and Law, 19, 235–249. DOI: 10.1037/a0029050
Parte di Metodologia e deontologia forensi:
Fornari, U. (2012). Delitti folli e delitti di folli. Torino: Espress.
Fornari, U. (2014). Follia transitoria. Il problema dell’irresistibile impulso. Milano: Raffaello Cortina.
Lettura critica trasversale al corso
Zara, G. & Farrington, D. P. (forthcoming). Criminal recidivism: Explanation, prediction and prevention. UK: Routledge.

Part of Criminological psychology and Risk assessment
Hanson, K. (2009). The psychological assessment of risk for crime and violence. Canadian Psychology, 50, 172–182. DOI: 10.1037/a0015726
Zara, G. (2005). Le carriere criminali. Milano: Giuffrè.
Zara, G. (2013). La validità incrementale della psico-criminologia e delle neuroscienze in ambito giuridico. Sistemi Intelligenti, 2, 311−338. DOI: 10.1422/75357
Zara, G. & Farrington, D. P. (2013). Assessment of risk for juvenile compared with adult criminal onset: Implications for policy, prevention and intervention. Psychology, Public Policy and Law, 19, 235–249. DOI: 10.1037/a0029050

Forensic methodology and deontology
Fornari, U. (2012). Delitti folli e delitti di folli. Torino: Espress.
Fornari, U. (2014). Follia transitoria. Il problema dell’irresistibile impulso. Milano: Raffaello Cortina.

Further reading
Zara, G. & Farrington, D. P. (forthcoming). Criminal recidivism: Explanation, prediction and prevention. UK: Routledge.

Syllabus for students in international mobility
Piquero, A. R., Farrington, D. P., & Blumstein, A. (2007). Key issues in criminal career research. Cambridge: Cambridge University Press.
Zara, G. & Farrington, D. P. (2013). Assessment of risk for juvenile compared with adult criminal onset: Implications for policy, prevention and intervention. Psychology, Public Policy and Law, 19(2), 235–249. DOI: 10.1037/a0029050
Zara, G. & Farrington, D. P. (forthcoming). Criminal recidivism: Explanation, prediction and prevention. UK: Routledge.



Oggetto:

Note

Ricevimento studenti
Prof.ssa Georgia Zara riceve per appuntamento presso il suo studio, Dipartimento di Psicologia, Via Po 14, 10123 - Torino. È possibile contattare il docente via mail (georgia.zara@unito.it) o anche telefonicamente (011.670 3069).

Reception students
Professor Georgia Zara receives students by appointment in her study, Department of Psychology (I floor), Via Po, 14 – 10123 Turin. She can be contacted either via email (georgia.zara@unito.it) or via phone (011.670 3069).

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 16/06/2015 16:56