Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:
Oggetto:

Psicodinamica della vita organizzativa

Oggetto:

Psychodynamics of organizational life

Oggetto:

Anno accademico 2014/2015

Codice dell'attività didattica
PSI0272
Docente
Carlo Pasino (Titolare del corso)
Corso di studi
Psicologia del lavoro e del benessere nelle organizzazioni
Anno
2° anno
Periodo didattico
Secondo semestre
Tipologia
Fondamentale
Crediti/Valenza
8
SSD dell'attività didattica
M-PSI/07 - psicologia dinamica
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Facoltativa
Tipologia d'esame
Orale
Prerequisiti
Gli studenti sono tenuti a conoscere i concetti chiave della psicodinamica dell’individuo e del gruppo. Essi sono la base necessaria per la comprensione della realtà individuale, interpersonale, istituzionale e sociale in termini psicodinamici e focalizzano l’attenzione sulle variabili psicoaffettive del comportamento organizzativo, nonché sulla dinamica delle relazioni umane nei contesti lavorativi e nelle società.

The students are supposed to know the key concepts regarding individual and group’s psychodynamics. These are fundamental to understand the individual, interpersonal, institutional and social reality in psychodynamic terms and they help focus the attention on the psychoaffective variables regarding organizational behaviour, and on the human relationships’ dynamics in working contexts and in societies

Oggetto:

Sommario insegnamento

Oggetto:

Obiettivi formativi

Il corso di Psicodinamica della vita organizzativa è finalizzato a:

a)    Cosa lo studente deve conoscere al termine del corso:

  1. la storia dell'evoluzione della teoria psicodinamica dei gruppi e dei sistemi organizzativi;
  2. i modelli di diagnosi e di intervento sulle organizzazioni;

b) Cosa lo studente sarà in grado di utilizzare al termine del corso:

  1. alcuni  strumenti di comprensione e di interpretazione delle dinamiche organizzative e sociali.

c)    Cosa lo studente deve essere in grado di dimostrare:

  1. di saper contestualizzare le teorie psicodinamiche dell’organizzazione all'interno della cornice storica;
  2. di cogliere la complessità delle dinamiche organizzative e sociali.

 

 

Psychodynamics of organizational life course is aiming to:

a)What the student needs to know at the end of the course:

i. the history of groups and organizational systems’ psychodynamics theory evolution;

ii. models representing the diagnosis and the intervention on organizations;

b)What the student will be able to use at the end of the course:

i. the abilities to comprehend and interpretate organizational and social dynamics.

c)What the student has to be able to demonstrate:

i. to be able to contextualize psychodynamical theories about organization within the historical frame;

ii. to understand the complexity of organizational and social dynamics.

  

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Il raggiungimento degli obiettivi formativi prefissati.

 

The achievement of the predetermined educational objectives

 

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

L’ accertamento della preparazione dello studente avverrà in forma orale. La prova avrà il fine di valutare che lo studente:
- abbia acquisito le conoscenze teoriche sui diversi approcci alla psicodinamica dell’organizzazione;
- comprenda le dinamiche sottostanti ai comportamenti organizzativi e sociali;
- conosca alcuni strumenti di diagnosi e intervento nelle organizzazioni e nella società.

 

Students’ preparation will be verified with oral tests. In order to verify that students:
-acquired theorical knowledge of different approaches to the organizational psychodynamics;
- understood  how the dynamics of organizational and social behaviours effect;
- know some of the diagnosis and intervention instruments in organizations and society.

 


 

Oggetto:

Programma

Il corso presenta una visione psicodinamica della vita istituzionale, dei sistemi organizzativi e dei processi sociali, mettendo in evidenza gli aspetti della vita emotiva e relazionale alla luce dell'evoluzione storica del pensiero psicodinamico e sistemico sulle organizzazioni e sulla società. Particolare attenzione è rivolta all’evoluzione storica e allo studio delle diverse metodologie di diagnosi e di intervento nei contesti organizzativi e nelle istituzioni sociali. Il corso intende affrontare le caratteristiche emozionali del lavoro umano, con particolare riferimento alle professioni di aiuto alla persona e alle istituzioni del welfare. Durante le lezioni si esamineranno i vari modelli di comprensione della vita organizzativa, tra cui il concetto di “mente o campo istituzionale”.

 

The course presents a psychodynamic vision of institutional life, organizational systems and social processes, highlighting the aspects of emotional life considering the hystorical evolution of psychodynamic and systemic thought on organizations and societies. Particular attention is used towards the hystorical evolution and towards the learning of different methods of diagnosis and intervention in organizational contests and in social institutions. The course aims to deal with the emotional characteristics of human work, referring in particular to professions.  

Testi consigliati e bibliografia

Oggetto:

La storia dell’evoluzione della teoria psicodinamica dei gruppi e dei sistemi organizzativi (almeno due di questi libri):

QUAGLINO G.P., (2004). La vita organizzativa. Difese, collusioni e ostilità nelle relazioni di lavoro. Milano: Raffaello Cortina (Cap. 7 da pag. 197 a 210, cap. 9, cap. 10, Conclusioni da pag. 399 a 424)

BION, W.R. (1961). Experiences in groups. Tavistock Publications, London. (Tr. it.: Esperienze nei gruppi. Armando, Roma, 1971).

BLEGER J., (2011). Psicoigene e Psicologia Istituzionale. Psicoanalisi applicata agli individui, ai gruppi e alle istituzioni. La Meridiana. Molfetta (BA).  (da pag. 45 a pag.100, da pag.125 a pag. 137, da pag. 185 a pag.198).

CORRAO, F. (1998). Orme, volume secondo. Cortina. Milano. (Cap.: 8, 21, 22, 23.)

KERNBERG, O.F. (1998) Ideology, Conflict and Leadership in Groups and Organizations. New Haven, Yale University Press. (Tr.It. Le Relazioni nei Gruppi: Ideologia, Conflitto e Leadership. R.Cortina, Milano 1999).

I modelli di diagnosi e di intervento sulle organizzazioni (almeno due di questi libri oppure gli articoli su PEPWEB: OPUS-EISOLD-ANDERSON-MARCUS):

CORREALE, A., (2006), Area traumatica e campo istituzionale, Borla, Roma.

HINSHELWOOD, R.D. - SKOGSTAD, W. (eds.) (2000) Observing Organizations: Anxiety, Defense, and Culture in Health Care. London, Routledge. (Tr.it. Osservare le organizzazioni. Ed. M.Perini e G.Micene. Ananke, Torino 2005).

PERINI, M. (2007) L’Organizzazione Nascosta: Dinamiche inconsce e zone d’ombra nelle moderne organizzazioni. Franco Angeli, Milano.

NICOLLE O., KAES R., (2008). L’Istituzione in eredità. Miti di fondazione, trasmissioni, trasformazioni. Borla. Roma.

Articoli su PEPWEB (http://www.pep-web.org/):

OPUS:

Lohmer, M. (2008). Competition and Coherence: Creating a New Balance between Economic Change and Organizational Identity in Mental Health Care Organizations. Organ. Soc. Dyn., 8:1-17

Elieli, R.B. (2000). A Journey towards Integration: A Transitional Phase in the Organizational Life of a Clinic. Organ. Soc. Dyn., 1:21-41

Fraher, A.L. (2004). Systems Psychodynamics: The Formative Years (1895-1967). Organ. Soc. Dyn., 4:191-211

Collie, A. (2005). The Dynamics of Large Groups and Their Effects on Organizational Functioning. Organ. Soc. Dyn., 5:1-14

James, J. and Broussine, M. (2007). A Reflexive Action Inquiry into the Experience of Working Together as Consultants. Organ. Soc. Dyn., 7:292-312

 

Eisold, K. (2012). Psychoanalysis at Work. Psychoanal. Dial., 22:517-528

Anderson, D.K. and White, J.D. (2002). Psychoanalytic Organizational Theory. Free Associations, 9:500-525

Marcus, M.G. (2003). A Psychoanalytic Organizational Consultation. San Fran. Ctr Psa., 1:2

 

 
TEXTBOOKS

The history of the psychodynamics of groups and organizational systems theory (choose at least two of the books below):

QUAGLINO G.P., (2004). La vita organizzativa. Difese, collusioni e ostilità nelle relazioni di lavoro. Milano: Raffaello Cortina (Cap. 7 da pag. 197 a 210, cap. 9, cap. 10, Conclusioni da pag. 399 a 424)

BION, W.R. (1961). Experiences in groups. Tavistock Publications, London. (Tr. it.: Esperienze nei gruppi. Armando, Roma, 1971).

BLEGER J., (2011). Psicoigene e Psicologia Istituzionale. Psicoanalisi applicata agli individui, ai gruppi e alle istituzioni. La Meridiana. Molfetta (BA).  (da pag. 45 a pag.100, da pag.125 a pag. 137, da pag. 185 a pag.198).

CORRAO, F. (1998). Orme, volume secondo. Cortina. Milano. (Cap.: 8, 21, 22, 23.)

KERNBERG, O.F. (1998) Ideology, Conflict and Leadership in Groups and Organizations. New Haven, Yale University Press. (Tr.It. Le Relazioni nei Gruppi: Ideologia, Conflitto e Leadership. R.Cortina, Milano 1999).

Diagnosis and intervention on organizations models (choose at least two of the following books or some of the articles on PEPWEB: OPUS-EISOLD-ANDERSON-MARCUS):

CORREALE, A., (2006), Area traumatica e campo istituzionale, Borla, Roma.

HINSHELWOOD, R.D. - SKOGSTAD, W. (eds.) (2000) Observing Organizations: Anxiety, Defense, and Culture in Health Care. London, Routledge. (Tr.it. Osservare le organizzazioni. Ed. M.Perini e G.Micene. Ananke, Torino 2005).

PERINI, M. (2007) L’Organizzazione Nascosta: Dinamiche inconsce e zone d’ombra nelle moderne organizzazioni. Franco Angeli, Milano.

NICOLLE O., KAES R., (2008). L’Istituzione in eredità. Miti di fondazione, trasmissioni, trasformazioni. Borla. Roma.

 

Articles on PEPWEB (http://www.pep-web.org/):

OPUS:

Lohmer, M. (2008). Competition and Coherence: Creating a New Balance between Economic Change and Organizational Identity in Mental Health Care Organizations. Organ. Soc. Dyn., 8:1-17

Elieli, R.B. (2000). A Journey towards Integration: A Transitional Phase in the Organizational Life of a Clinic. Organ. Soc. Dyn., 1:21-41

Fraher, A.L. (2004). Systems Psychodynamics: The Formative Years (1895-1967). Organ. Soc. Dyn., 4:191-211

Collie, A. (2005). The Dynamics of Large Groups and Their Effects on Organizational Functioning. Organ. Soc. Dyn., 5:1-14

James, J. and Broussine, M. (2007). A Reflexive Action Inquiry into the Experience of Working Together as Consultants. Organ. Soc. Dyn., 7:292-312

 

Eisold, K. (2012). Psychoanalysis at Work. Psychoanal. Dial., 22:517-528

Anderson, D.K. and White, J.D. (2002). Psychoanalytic Organizational Theory. Free Associations, 9:500-525

Marcus, M.G. (2003). A Psychoanalytic Organizational Consultation. San Fran. Ctr Psa., 1:2



Oggetto:

Note

GIORNO, ORARIO E MODALITA’ DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI

Il ricevimento degli studenti avverrà per appuntamento. Si prega di prenotarsi utilizzando l’indirizzo email: pasino.carlo@gmail.com

Il docente sarà comunque disponibile alle ore 12 del giorno in cui avrà lezione.

 

 

STUDENTS RECEIVINGS

Students receivings will be held on appointment. To book a meeting with the professor contact the following address: pasino.carlo@gmail.com.

However, the professor will be willing to discuss students' issues about the subject at noon on lecture days.

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 16/04/2015 17:05