Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:
Oggetto:

Psicologia cognitiva delle organizzazioni

Oggetto:

Cognitive psychology of organizations

Oggetto:

Anno accademico 2013/2014

Codice dell'attività didattica
PSI0340
Docente
Prof. Maurizio Tirassa (Titolare del corso)
Corso di studi
Psicologia del lavoro e del benessere nelle organizzazioni
Anno
1° anno
Periodo didattico
Primo semestre
Tipologia
Fondamentale
Crediti/Valenza
6
SSD dell'attività didattica
M-PSI/06 - psicologia del lavoro e delle organizzazioni
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Facoltativa
Tipologia d'esame
Orale
Modalità d'esame
L’accertamento della preparazione dello studente avverrà con un esame orale attraverso domande aperte volte ad accertare, nello spazio di circa 20-30 minuti.
Prerequisiti
Le conoscenze e competenze acquisite con una laurea triennale (o diploma di livello superiore) in psicologia o in ambiti affini sono sufficienti per partecipare attivamente alle lezioni, comprendere criticamente i testi, e affrontare efficacemente l'esame.
The knowledge and skills acquired with a three-year (bachelor's) or higher degree in psychology or a related area will suffice to participate actively in lessons, understand critically the texts, and deal effectively with the exam.
Oggetto:

Sommario insegnamento

Oggetto:

Obiettivi formativi

L'insegnamento di Psicologia cognitiva delle organizzazioni è finalizzato a: a) Far conoscere agli studenti: I. le principali teorie sulle caratteristiche strutturali della mente umana che permettono la creazione e il mantenimento di organizzazioni; II. corrispondentemente, le principali teorie sulle caratteristiche delle organizzazioni viste come prodotti della mente umana; III. alcuni esempi di questo legame circolare tra natura della mente e natura delle organizzazioni IV. alcune conseguenze applicative dei temi delineati. b) Insegnare l’utilizzo: I. delle teorie discusse come strumenti critici per osservare e comprendere la natura e il funzionamento delle organizzazioni; II. delle teorie discusse come fonti di ispirazione per generare prospettive e progettualità proprie nell'ambito delle organizzazioni; III. degli esempi discussi come fonte di analogie e trasferimento. c) Mettere gli studenti nella condizione di saper dimostrare: I. la capacità di ragionare criticamente sulle principali caratteristiche strutturali e funzionali di un'organizzazione, da un punto di vista psicologico; II. la capacità di leggere e analizzare criticamente testi scientifici relativi agli argomenti trattati; III. la capacità di elaborare semplici progetti di ricerca sui temi trattati.
The course of Cognitive psychology of organizations aims to: a) Introduce students to: I. the main theories on the structural characteristics of the human mind that enable the creation and maintenance of organizations; II. correspondingly, the main theories on the characteristics of the organizations, viewed as products of the human mind; III. some examples of this circular link between the nature of the mind and that of organizations; IV. some applications of the themes outlined. b) Teach the use of: I. the theory discussed as critical tools to observe and understand the nature and the functioning of organizations; II. the theory discussed as sources of inspiration for generating their own perspectives and projects concerning organizations; III. the examples discussed as sources of analogies and transfer. c) Enable the students to demonstrate: I. the ability to reason critically on the main structural and functional characteristics of an organization, from a psychological point of view; II. the ability to read and critically analyze scientific texts related to the topics discussed; III. the ability to elaborate simple research projects on the topics covered.

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Lo studente deve saper dimostrare: 1) di possedere familiarità con le principali teorie sulle caratteristiche strutturali della mente umana che permettono la creazione e il mantenimento di organizzazioni; 2) di possedere familiarità con le principali teorie sulle caratteristiche delle organizzazioni viste come prodotti della mente umana; 3) di essere in grado di analizzare e discutere specifici esempi empirici e applicative; 4) di essere in grado di ragionare criticamente su tali temi.
The student must dimonstrate: 1) be familiar with the main theories on the structural characteristics of the human mind that enable the creation and the maintenance of organizations; 2) be familiar with the main theories on the characteristics of the organizations viewed as products of the human mind; 3) be able to analyze and discuss specific empirical examples and applications; 4) be able to think critically about these issues.

Oggetto:

Programma

La capacità di creare e mantenere organizzazioni e di partecipare ad esse è una delle caratteristiche fondamentali della nostra specie. Cercheremo di capire quali siano le principali caratteristiche della mente umana che rendono possibile questa capacità, sia sul piano analitico e teoretico sia discutendo alcuni problemi del mondo reale. I temi più importanti che saranno discussi sono: 1. intenzionalità individuale e intenzionalità collettiva; 2. azione individuale, sociale e di organizzazione; 3. filogenesi delle organizzazioni; 4. la nozione di razionalità; 5. la nozione di condivisione; 6. organizzazioni e regole come artefatti; 7. potere e biopolitica.
The ability to create and maintain organizations and to participate in them is one of the fundamental features of our species. We will try to understand what the main features of the human mind are that enable this ability, both on the theoretical and analytical level and discuss some real-world problems. The most important topics that will be discussed are: 1. individual intentionality and collective intentionality; 2. individual actions, social actions and actions of the organizations; 3. the phylogeny of organizations; 4. the notion of rationality; 5. the notion of sharing; 6. organizations and rules as artifacts; 7. power and biopolitics.

Testi consigliati e bibliografia

Oggetto:

(1) John Searle: Creare il mondo sociale (Making the social world: The structure of human civilization). Raffaello Cortina Editore, 2010. (2) Cristina Zucchermaglio e Francesca Alby (a cura di): Psicologia culturale delle organizzazioni. Carocci, 2006. (3) Una collezione di articoli che sarà resa disponibile sulla pagina personale del docente.
(1) John Searle: Creare il mondo sociale (Making the social world: The structure of human civilization). Raffaello Cortina Editore, 2010. (2) Cristina Zucchermaglio e Francesca Alby (a cura di): Psicologia culturale delle organizzazioni. Carocci, 2006. (3) A collection of papers will be made ??available on the teacher's personal page.



Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 24/04/2014 15:59