Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:
Oggetto:

Psicologia criminale della violenza e risk assessment

Oggetto:

Anno accademico 2008/2009

Codice dell'attività didattica
S6937
Docente
Georgia Zara (Titolare del corso)
Corso di studi
Laurea magistrale in Psicologia, ind. Psicologia criminale e investigativa (da 08-09)
Anno
2° anno
Tipologia
Fondamentale
Crediti/Valenza
5
SSD dell'attività didattica
M-PSI/05 - psicologia sociale
Oggetto:

Sommario insegnamento

Oggetto:

Programma

Il corso focalizza l'attenzione sulle dinamiche criminali violente, persistenti e socialmente pericolose, specie in riferimento ai reati contro la persona e violenti come l'omicidio, i crimini sessuali, i crimini seriali ecc. Predire il comportamento futuro e grave; particolarmente difficile in generale e, certamente, risulta tale quando si cerca di anticipare il rischio; evolversi di una carriera criminale. I quesiti epistemologici sui quali si riflette sono:

  1. Quanto precocemente si può predire il comportamento criminale futuro?
  2. Quanto precocemente si deve e si può intervenire per bloccare il rischio di persistenza criminale e di recidiva?
  3. Se ed eventualmente in che modo è possibile attivare un processo di cambiamento di una carriera criminale?

Il corso prevede una serie di attività di gruppo e seminari e la visione critica di materiale audio-visivo.

Testi consigliati e bibliografia

Oggetto:

Parte scientifica generale

• Caspi, A. & Moffitt, T. E. (1993). When do individual differences matter? A paradoxical theory of personality coherence. Psychological Inquiry, 4(4), 247-271.
• Crighton, D. A. & Towl, G. J. (2008, 2nd ed.). Psychological assessment. In D. A. Crighton & G. J. Towl. Psychology in prisons (pp. 71-92). Oxford, UK: Blackwell.
• Crighton, D. A. & Towl, G. J. (2008, 2nd ed.). Principles of risk assessment. In D. A. Crighton & G. J. Towl. Psychology in prisons (pp. 108-125). Oxford, UK: Blackwell.
• López Viets, V., Walker, D. D., & Miller, W. R. (2002). What is motivation to change? A scientific analysis. In M. McMurran (Ed.). Motivating offenders to change. A guide to enhancing engagement in therapy (pp. 15-30). Chichester: John Wiley & Sons, LTD.
• Ward, T. & Maruna, S. (2007). The risk-need-responsivity model of offender rehabilitation. In T. Ward & S. Maruna. Rehabilitation. Beyond the risk paradigm (pp. 44-74). Oxon, Great Britain: Routledge.
• Zara, G. (2005). Le carriere criminali (capitoli VI, VII, XV, XVI, XVII). Milano: Giuffrè.

Parte scientifica monografica

• Crighton, D. A. & Towl, G. J. (2008, 2nd ed.). Prisoner needs. In D. A. Crighton & G. J. Towl. Psychology in prisons (pp. 57-70). Oxford, UK: Blackwell.
• Marshall, W. L., Anderson, D., & Fernandez, Y. (2001). Il trattamento cognitivo-comportamentale degli aggressori sessuali. Torino: Centro Scientifico Editore.
• McGuire, J. (2002). Motivation for what? Effective programmes for motivated offenders. In M. McMurran (Ed.). Motivating offenders to change. A guide to enhancing engagement in therapy (pp. 157-172). Chichester: John Wiley & Sons, LTD.



Oggetto:

Note

Modalità d'esame: orale.

ABSTRACT
The course aims at analysing the violent and dangerous dynamics of persistent criminal careers, with special attention to homicide, sex-offences, and serial crimes.
How early can criminal future behaviour be predicted? How early is it possible to nip criminal behaviour in the bud?
The course includes some group activities, critical analyses of scientific documentaries related to criminal behaviour and violence, and seminars on specialised themes of criminal psychology.

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 17/07/2009 16:47